Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da una forte crescita dei mercati finanziari. L’aumento dell’inflazione ha sollevato a tutti i risparmiatori dubbi e perplessità per quanto riguarda il loro capitale. Ecco perché, in questo articolo, cercheremo di far chiarezza su come poter investire 10000 euro senza troppi rischi.

Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da una forte crescita dei mercati finanziari. L’aumento dell’inflazione ha sollevato a tutti i risparmiatori dubbi e perplessità per quanto riguarda il loro capitale. Ecco perché, in questo articolo, cercheremo di far chiarezza su come poter investire 10000 euro senza troppi rischi.

Come investire 10000 Euro nel 2022?

Come regola di base, bisognerebbe diversificare sempre tutti gli investimenti. Non scommettere mai tutte le tue risorse o risparmi su un singolo asset.

E’ inutile investire i risparmi di una vita in una singola azione, fonte di reddito o altro. Perché se qualcosa va storto, potresti perdere la maggior parte o addirittura tutti i tuoi soldi.

Pertanto, la regola d’oro è la diversificazione, sempre.

Questa dovrebbe essere la base, ma molte persone scommettono erroneamente tutti i loro risparmi su una singola azione, azienda o criptovaluta.

Quindi, se ti stai chiedendo come investire 10.000 euro senza rischi la risposta ormai la sai. Diversificando i tuoi investimenti, sarai in grado di ottenere rendimenti migliori e più sicuri.

Perché investire 10000 euro nel 2022?

La domanda corretta sarebbe: “perché non farlo?!”. In effetti, ci sono molte opportunità per chi decide oggi di investire del capitale.

Devi solo informarti per scegliere quello più conveniente. Ed è questo che vedremo nelle prossime righe.

L’importanza del lungo termine

Indipendentemente dagli asset che compongono il tuo portafoglio, la prima variabile da considerare è l’orizzonte temporale. Questo termine indica la stima del tempo durante il quale gli investimenti saranno posti in essere.

Non è un vincolo, bensì un pilastro importante per poter operare una pianificazione. Ad esempio, un orizzonte temporale di 5 anni si verifica quando investi per un obiettivo specifico (come andare in pensione quando ti avvicini all’età giusta).

investire 10000 euro

L’orizzonte temporale può anche essere indefinito, ad esempio quando si risparmia e si investe senza obiettivi specifici.

La definizione dell’orizzonte temporale ha implicazioni per la strategia: più lungo è l’orizzonte temporale, più è probabile che aumentino le prospettive di rendimento.

Ciò può essere spiegato dal fatto che gli investimenti finanziari devono fare i conti con la volatilità. Il mercato ha un trend di crescita naturale, ma il percorso non è lineare: si compone invece di vari alti e bassi (per la precisione, oscillazioni).

Dove investire 10000 euro?

Ci sono diverse opzioni di investimento, alcuni più redditizi di altri. I più comuni sono:

  • Investire i 10.000 euro in oro;
  • Investire i 10.000 euro in banca (conto deposito);
  • Investire i 10.000 euro in posta;
  • Investire i 10.000 euro in obbligazioni (titoli di Stato);
  • Investire i 10.000 euro in un’attività.

Ogni tipo di investimento comporta un diverso livello di rischio. Ad esempio, investire in oro è una delle forme di investimento più sicure oggi, così come i buoni postali e i conti di deposito bancari.

Investire 10.000 euro in obbligazioni è quasi altrettanto sicuro. Tieni presente che il rischio c’è sempre, però solitamente è a capitale iniziale garantito.

Come investire 10000 euro in oro

Come accennato in precedenza, investire nell’oro ultimamente è un’ottima scelta. Questo è un tipo di investimento relativamente sicuro, anche durante periodi più complicati o caratterizzati da una maggiore volatilità.

Pertanto, gli investitori che desiderano avere un portafoglio diversificato devono tenere conto di questa possibilità.

Esistono due tipi di investimento in oro: diretto o indiretto. Quando parliamo di investimento diretto, intendiamo l’acquisto di lingotti d’oro.

investire 10000 euro

Per uso commerciale è considerata una fascia di peso compresa tra 1 grammo e 12,5 chilogrammi, che consente di vendere l’oro acquistato, sia in lastre che in lingotti, in qualsiasi momento.

Lo spread tra il prezzo di acquisto e quello di vendita aumenta al diminuire del peso: ad esempio una lastra da 5 grammi costa il 20% in più del valore attuale dell’oro.

Il certificato deve essere sempre presente. Acquista anche monete d’oro come Swiss Marengo o Canadian Maple Leaf.

Un esempio di acquisto indiretto è l’acquisto di azioni di una società mineraria per partecipare all’andamento dei prezzi dell’oro, anche indirettamente.

Per riassumere, investi in:

  • Lingotti d’oro
  • Monete d’oro
  • ETF oro e fondi comuni
  • Futures e opzioni d’oro
  • Gioielli in oro.

Se il suo prezzo di mercato può oscillare nel breve termine, il trend è decisamente positivo nel lungo termine.

Come investire 10.000 euro in banca?

Se vuoi investire 10000 euro in banca senza correre troppi rischi, puoi decidere di investire tutto o parte dei tuoi fondi in un conto deposito.

Vantaggi dei conti deposito:

  • Rendimenti più elevati su BOT e BFP;
  • Libertà di gestione del capitale investito;
  • Non ci sono commissioni per aprire un conto, a volte neanche imposta di bollo, spese di attivazione e chiusura;
  • Rischio zero: i fondi depositati sono garantiti da fondi interbancari (fino a 100.000 euro);
  • Scadenza libera (per conti di deposito non vincolato), il capitale versato può essere prelevato in qualsiasi momento.

Un conto di deposito è fondamentalmente un conto bancario con funzionalità limitate. Il suo unico scopo è maturare interessi sul capitale investito e garantire sempre un rendimento nel tempo.

Quanto rendono 10.000 euro in banca?

Un investimento di 10000 euro in un conto deposito vincolato è a basso rischio. Se un conto vincolato assicura un rendimento del 1,5% lordo su base annua, il proprietario del conto si ritroverà con 150 euro in più, cui va sottratta l’aliquota fiscale, sugli interessi maturati, del 26%.

Senza dimenticare un’imposta di bollo dello 0,2% sul capitale investito.

Come investire 10.000 euro in posta?

La caratteristica più interessante degli investimenti in posta, sono i Buoni fruttiferi postali, che sono garantiti dallo Stato e non sono soggetti alla volatilità del mercato.

Ciò significa che, anche se l’inflazione è in forte aumento durante il periodo storico che stiamo vivendo, il valore di questi titoli rimane lo stesso e non si teme la svalutazione.

In sostanza, per creare un buono, la posta prevede l’investimento di una somma di denaro, che una volta inserito matura interessi nel tempo. Alla scadenza del buono, i soldi vengono restituiti con somme maggiorate.

Il BFP è esente dalle commissioni di sottoscrizione e rimborso e dalla tassa di successione. Pertanto, la commissione da pagare è solo relativa agli oneri fiscali.

La scadenza media di questo tipo di investimento è di 10 anni, ma esistono anche buoni fruttiferi postali con scadenza a 4 anni o 8 anni.

Obbligazioni statali (Titolo di Stato)

I titoli di stato sono diversi. Tra questi si possono segnalare:

  • Buoni del Tesoro regolari (robot)
  • Lettera di credito del Tesoro (CCTEU)
  • Titoli del Tesoro Pluriennali (BTP)
  • Buoni del Tesoro Pluriennali Verdi (BTP Verde)
  • Buoni del Tesoro pluriennali (Btp € i) legati all’inflazione europea.

Un titolo di Stato è un tipo di obbligazione emessa periodicamente dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per coprire il debito pubblico ed eventualmente i deficit pubblici.

I loro rendimenti sono molto bassi, non raggiungono l’1%. L’eccezione sono i buoni del tesoro pluriennali (BTP), che possono maturare interessi dal 2% al 4%.

Per capire meglio cosa sono i titoli di stato, è necessario conoscere il significato di obbligazione. Il termine si riferisce a titoli di debito (bond) emessi da una società o da un paese per soddisfare le esigenze finanziarie.

Si tratta di un investimento garantito: alla scadenza dell’obbligazione, la società o il Paese dovrà rimborsare il capitale ricevuto. A questa cifra verranno poi aggiunte le cedole o gli interessi maturati nel determinato periodo di tempo.