Prestiti Pensionati fino a 90 anni

Nel momento in cui si arriva ad un’età avanzata, ottenere da parte dei principali istituti di credito bancario un qualsiasi tipo di finanziamento non è certamente semplice: oggi però, grazie all’introduzione di nuove regole, è possibile ottenere prestiti a pensionati fino a 90 anni.

Nel momento in cui si arriva ad un’età avanzata, ottenere da parte dei principali istituti di credito bancario un qualsiasi tipo di finanziamento non è certamente semplice: oggi però, grazie all’introduzione di nuove regole, è possibile ottenere prestiti a pensionati fino a 90 anni.

A differenza di molte altre tipologie di finanziamento, la cessione del quinto fino a 90 anni rappresenta sicuramente una delle soluzioni più vantaggiose per ottenere un finanziamento nel momento in cui si supera una determinata soglia di età.

Una delle principali motivazioni per le quali ottenere prestiti fino a 90 anni risulta essere possibile, va ricercata principalmente nel fatto che il rimborso del prestito viene considerato certo da parte degli istituti di credito e dunque, le banche o gli istituti stessi offrono questa possibilità anche ai meno giovani.

Ovviamente, così come le altre formule di prestito, anche i prestiti per pensionati fino a 90 anni, per poter essere richiesti, necessitano di particolari condizioni alle quali il cliente deve rispondere, poiché il mancato rispetto di tutto ciò va ad incidere in maniera negativa sull’esito della richiesta stessa.

Coppia di pensionati INPS o INPDAP che ha ricevuto un prestito attraverso PrestitoQUI

Cessione del quinto fino a 90 anni: di cosa si tratta?

Con il termine di cessione del quinto fino a 90 anni si va ad intendere una particolare formula di prestito che, come afferma il termine stesso, prevede proprio la cessione del quinto della pensione; questa formula di prestito si differenzia dalla classica in quanto l’età del soggetto che la richiede, può arrivare fino ai 90 anni.

A differenziare la cessione del quinto fino a 90 anni dalla classica formula di cessione del quinto è dunque proprio l’età del soggetto che la richiede, in quanto in questo caso specifico, vi è la possibilità di richiestafino all’età di 82-88 anni.

Chiaramente, è bene precisare che si tratta di una formula di prestito che può avere una durata massima compresa tra i 2 e i 10 anni, oltre i quali non è possibile sforare.

Ovviamente, nel momento in cui il richiedente si reca all’interno dell’istituto di credito bancario, sarà egli stesso a decidere la durata del finanziamento, da concordare in base a quello che è l’importo richiesto e soprattutto, in base anche alla cifra che è effettivamente possibile pagare ogni mese.

Come è facile comprendere, va sottolineato che il rimborso del prestito avviene tramite la trattenuta delle rate sulla pensione: l’importo di tali rate è costante, in quanto viene stabilito al momento della sottoscrizione del contratto, precisando che l’importo massimo può essere pari ad un quinto della pensione netta percepita da parte del richiedente.

Infine, bisogna specificare che, seppure le condizioni risultino essere simili, è bene tenere presente che ogni istituto di credito potrebbe variare alcune condizioni richieste per la concessione del prestito.

Ad oggi, la maggior parte degli istituti di credito e banche più note offrono la possibilità di richiedere prestiti per pensionati oltre 75 anni e fino a 80/85 anni.

Prestiti a pensionati fino a 90 anni: chi ha la possibilità di richiedere questa formula di prestito?

La cessione del quinto per pensionati fino a 90 anni rappresenta una formula di prestito che può essere richiesta con facilità da parte di tutti coloro i quali appartengono alla categoria dei pensionati INPS, compresi anche gli ex Inpdap e gli altri enti, che ovviamente non hanno superato il limite di età dei 90 anni.

Un’importante precisione di questa formula di prestito riguarda proprio quella che è l’età, precisando che il limite temporale di età non fa riferimento al momento della richiesta bensì alla scadenza del programma di rimborso del denaro.

Fondamentalmente, questo significa che, se il richiedente ha 80 anni, allora potrà richiedere la cessione del quinto per pensionati fino a 90 anni per una durata massima di 10 anni, viceversa, se a richiedere il prestito è un soggetto con età pari a 85 anni, allora è possibile fare la richiesta di prestito con cessione del quinto per un massimo di cinque anni.

Nonostante come affermato precedentemente, i prestiti per pensionati Inps fino a 90 anni possono essere richiesti da tutti i percettori di pensione Inps, è bene precisare che tutti coloro i quali sono percettori di particolari trattamenti previdenziali come, ad esempio, invalidità civile oppure di guerra, assegni sociali, assegni di sostegno al reddito e assegni al nucleo familiare, sono esclusi dalla possibilità di poter richiedere un prestito fino a 90 anni.

Inoltre, per effettuare la richiesta, non sono necessari particolari documenti se non un documento di identità in corso di validità, il modello OBIS M, il cedolino di pensione e un documento di cedibilità (il quale va necessariamente richiesto all’INPS).

Prestito per pensionati invalidi civili

Prestiti ai pensionati fino a 90 anni: perché questa formula risulta essere conveniente?

La cessione del quinto ai pensionati fino a 90 anni rappresenta senza ombra di dubbio una soluzione estremamente conveniente e questo rappresenta il motivo per il quale, oggigiorno, la maggior parte degli istituti di credito, offrono ai pensionati Inps questa possibilità.

Fatta questa premessa, la cessione del quinto fino a 90 anni risulta essere una formula estremamente vantaggiosa soprattutto per la sua semplicità: infatti, il rimborso della rata mensile concordata al momento del contratto avviene attraverso una trattenuta diretta sulla pensione e per un importo che non può superare come tetto massimo, un quinto del netto mensile percepito da parte del pensionato.

Un altro vantaggio legato a questa formula di prestito va inoltre ricercata nel fatto che le rate sono sempre di importo costante e dunque, non bisognerà temere alcun tipo di sorpresa.

Al tempo stesso, il rimborso della somma di denaro richiesta all’istituto di credito avviene direttamente sul cedolino della pensione e questo significa che non è richiesta l’apertura di nessuna nuova tipologia di conto corrente.

Come hai capito, i prestiti Inps fino a 90 anni sono una formula estremamente flessibile e soprattutto sicura ed è per questo motivo che ad oggi, sono richiesti con sempre più maggiore frequenza.

Rivolgendosi all’istituto di credito bancario di preferenza, sarà possibile ottenere tutte le informazioni di cui si ha bisogno per procedere con tranquillità all’avvio della pratica.