Il modello Obis/M

Sta arrivando (o è appena arrivato) il grande giorno.

No, non stiamo parlando del tuo matrimonio, ma del sogno di ogni lavoratore, dipendente o autonomo che sia. Stiamo parlando del momento in cui andrai in pensione. Ed è inutile nasconderlo: lo aspettiamo tutti.

Ora, quello che c’è da sapere su questo importante momento lavorativo è che alcuni elementi della tua gestione finanziaria cambieranno, e proprio nel momento in cui andrai in pensione. Avrai a che fare con l’Inps, prima di tutto, e con una serie di nuovi passaggi, procedure, e documenti.

Il Modello Obis/M è uno di questi.

Che tu stia per arrivare al tuo ultimo giorno di lavoro, o che tu sia un neo-pensionato, devi assolutamente sapere cos’è e a cosa serve il Modello Obis/M. In questo articolo ti spieghiamo tutto quello che devi sapere su questo documento, che ti sarà necessario nel caso in cui tu voglia, ad esempio, fare richiesta di un prestito con cessione del quinto.

Modello Obis/M: tutto quello che devi sapere

È un certificato che l’Inps – l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale – rilascia ogni anno a tutti i pensionati. Come lo definisce proprio l’INPS, il Modello Obis/M riporta “i dati anagrafici del pensionato, la sede INPS di competenza, la categoria, il numero di certificato e l’eventuale tutore o rappresentante legale”.

Il Modello Obis/M riassume insomma tutte le informazioni sulle pensioni che sono in pagamento.

E lo fa tutti gli anni?

Sì, eccetto il primo. Per il tuo primo anno di pensionamento l’Istituto rilascia il “Prospetto di liquidazione”, un documento che racchiude all’incirca le stesse informazioni dell’Obis/M. Vedremo più avanti in cosa consiste.

Entrambi i modelli servono quindi per conoscere tutte le informazioni relative alla propria pensione, e cioè

  • l’aumento che viene calcolato all’inizio di ogni anno (la cosiddetta perequazione automatica); il modello è soprattutto interessante perché finalmente, grazie alla possibilità di averlo online, si fa chiarezza su questo aspetto della pensione
  • gli importi mensili lordi delle rate di gennaio e l’eventuale tredicesima
  • gli importi mensili netti
  • le ritenute erariali e le eventuali addizionali, siano esse regionali e comunali
  • le detrazioni di imposta applicate
  • le quote associative (vedi più avanti, abbiamo una cosa da dirti)
  • la trattenuta per incumulabilità con l’attività lavorativa

Come è composto il Modello Obis/M?

Il Modello Obis/M è un documento molto importante. Dalla lettura dell’intestazione sono velocemente individuabili

  • La propria categoria pensionistica
  • Gli aumenti previsti per l’anno entrante

Sono poi indicate tutte le altre informazioni che abbiamo elencato sopra. Nel modello sono contenute anche le informazioni per contattare l’INPS.

Come si ottiene il Modello Obis/M

Come per molti documenti relativi al tuo pensionamento, puoi recuperare il tuo Modello Obis/M in due  modi:

  • Direttamente, cioè accedendo alla tua area privata sul sito web dell’Inps. Ovviamente, per farlo avrai bisogno di avere a portata di mano le tue credenziali per l’accesso. In questo modo il documento può essere anche solamente consultato
  • Per interposta persona, cioè delegando il tuo Patronato o Sindacato di fiducia

La novità del Modello Obis/M

Già, l’abbiamo chiamata novità, in quanto questo documento riepilogativo della pensione percepita è disponibile sul sito dell’Inps solamente da metà 2019.

Fai da te: come scaricare il Modello Obis/M dal sito dell’Inps

Vai sul sito dell’INPS, alla sezione “Prestazione e servizi”. Da qui clicchi su “Prospetto di pensione e modello Obis/M”. Ricordati di avere a portata il tuo PIN per accedere ai servizi, oppure lo Spid o la Carta Nazionale dei Servizi. Puoi scaricare il modello sia da computer, che da smartphone, attraverso la app Inps ufficiale.

Perché richiedere il Modello Obis/M?

Richiedere documenti

Con il pensionamento arriva in genere anche una cosa meravigliosa, chiamata tempo libero. Esatto: arriva il momento in cui puoi dedicarti a progetti che avevi accantonato da anni, come un viaggio, l’acquisto di una macchina nuova, o la ristrutturazione di casa. 

Quei progetti, insomma, per i quali non c’erano mai tempo o risorse mentre lavoravi.

Mettiamo l’ultimo caso – la ristrutturazione della tua casa, o di una seconda casa da dare a tuo figlio.

Avrai probabilmente bisogno di accedere a un prestito, per avere subito disponibilità di contante per avviare i lavori.

In quanto pensionato, dovresti sapere ti trovi nella posizione vantaggiosa di poter accedere a un prestito con la cessione del quinto della pensione.

Cos’è il prestito con la cessione del quinto della pensione

Si tratta di una particolare forma di prestito, vantaggiosa per i pensionati, che prevede appunto di dare automaticamente un quinto della propria pensione all’istituto finanziario che eroga il prestito.

Per richiederlo c’è bisogno, tra le altre cose, proprio del Modello Obis/M, che andrà presentato all’istituto finanziario al quale fai richiesta del prestito, insieme agli altri documenti che ti serviranno per iniziare la prima fase istruttoria della pratica del prestito.

Prima che tu vada a leggere in dettaglio come funziona il prestito con cessione del quinto della pensione, ti elenchiamo qui i documenti che dovrai avere a portata:

  • carta d’identità
  • cedolino della pensione
  • il Cud che attesta la tua posizione reddituale relativa alla pensione

La cosa bella di questa tipologia di prestito è che non hai bisogno di altre garanzie o documenti.

Un altro consiglio sul Modello Obis/M

Anche se non stai pensando di richiedere un prestito nell’immediato, ti conviene comunque scaricare ogni anno il Modello Obis/M, e conservarlo assieme agli altri documenti relativi allo stato del tuo pensionamento,
come il cedolino mensile della pensione, che contiene le voci dettagliate di ogni pagamento, e la certificazione unica.

Puoi infatti usare il Modello Obis/M per consultare un esperto di pensioni, che valuterà – proprio grazie al documento – se ci sono degli importi non erogati, cioè dei diritti inespressi che potrebbero aumentare l’importo del’assegno che percepisci.

Grazie al modello puoi vedere se ti spetta la quattordicesima (che viene pagata a luglio ai pensionati che soddisfano determinati requisiti legati al reddito), oppure gli assegni familiari e le varie altre maggiorazioni sociali.

Riassumendo: l’importanza del Modello Obis/M

Il Modello Obis/M è un documento fondamentale per la tua vita pensionistica, in quanto ti permette di verificare:

  • l’importo della pensione che percepisci
  • l’importo della tredicesima mensilità, se la pensione decorre durante l’anno (per i nuovi pensionati)
  • i dati del trattamento pensionistico (numero e categoria), con i quali presentare domande di aumenti pensionistici o comunicare modelli come Red e Icric
  • visualizzare l’integrazione al trattamento minimo e le detrazioni che vengono applicate

Infatti, quando lo scarichi, dovresti sempre controllare:

  • la convenienza dell’integrazione al trattamento minimo
  • se viene trattenuto il contributo associativo del Sindacato (che puoi revocare)
  • Se hai diritto a quattordicesima, assegni familiari e maggiorazioni sociali

Il prospetto di liquidazione

Come abbiamo accennato prima, il prospetto di liquidazione contiene informazioni simili al Modello Obis/M, ma è dedicato a chi si trova nel suo primo anno di trattamento previdenziale. Le informazioni che contiene:

  • dati anagrafici del pensionato
  • sede INPS di competenza
  • categoria di appartenenza della pensione
  • numero di certificato
  • nome e cognome dell’eventuale tutore o del rappresentante legale

Modello Obis/M e prestito con cessione del quinto della pensione

Con la pensione arriva anche il momento di togliersi qualche sfizio. Puoi farlo accedendo ad un prestito con cessione del quinto della pensione.