social lending

Il prestito peer-to-peer (P2P), noto anche come “social lending”, è una tipologia di finanziamento tra privati che consente alle persone di tutto il mondo di prendere in prestito o offrire direttamente denaro gli uni agli altri.

Il prestito peer-to-peer (P2P), noto anche come “social lending”, è una tipologia di finanziamento tra privati che consente alle persone di tutto il mondo di prendere in prestito o offrire direttamente denaro gli uni agli altri.

Il suo utilizzo è vantaggioso in quanto aumenta i tassi di rendimento per coloro che forniscono i fondi e abbassa il tasso di interesse per coloro che ne usufruiscono.

Questa dinamica può essere vista come un ritorno al passato, prima della nascita degli istituti di credito, quando il prestito avveniva essenzialmente tra ricchi possessori di denaro e persone meno abbienti, che avevano bisogno di prestiti per svolgere la propria attività.

Tale fatto può essere descritto come new economy, ovvero, fenomeni economici che sono stati messi in atto in seguito allo sviluppo delle tecnologie e delle comunicazioni; tali fenomeni hanno portato alla diffusione di contenuti digitali e di prodotti informatici.

Sono nate così innumerevoli realtà, diventate successivamente colossi della new economy, come Airb&b, Uber e Ebay.

social lending

Ma andiamo per parti.

Che cos’è il social lending?

Per capire l’origine di questo fenomeno, dobbiamo tornare indietro al 2004, quando è stata creata la piattaforma Zopa (acronimo di Zone of Possible Agreement). Questo è stato il lavoro di un gruppo di esperti nella gestione delle nuove tecnologie nel settore finanziario.

In seguito sono state create diverse piattaforme in diversi paesi, ognuna regolata dalle leggi e dalle usanze della nazione ospitante.

In sostanza, i siti di prestito P2P facilitano lo scambio di denaro tra prestatori e mutuatari. Chi desidera prendere in prestito denaro (richiedente) può inoltrare direttamente le proprie richieste a una delle piattaforme dedicate, per cercare di trovare una controparte che lo finanzi.

Le richieste vengono valutate allo stesso modo di un prestito bancario: la piattaforma di p2p utilizza una terza parte che effettua la valutazione di affidabilità (merito creditizio), in base alle informazioni personali di un determinato individuo.

Se invece l’obiettivo è diventare prestatore, ci si può registrare sul sito di social lending preferito e trasferire i fondi che si intende prestare ai richiedenti. È possibile dare la priorità ai profili di diversi richiedenti in modo da suddividere la propria disponibilità tra più mutuatari, questo riduce la possibilità che un singolo prestito, detenuto da un individuo, non venga pagato.

Ogni piattaforma ha caratteristiche e livelli di protezione diversi, di conseguenza è importante fare la ricerca appropriata per trovare le migliori piattaforme per investimenti alternativi.

Come funziona il lending?

Nei prestiti tra privati, l’interazione tra le parti e la successiva erogazione dell’importo richiesto avviene attraverso l’utilizzo di piattaforme online che fungono da intermediari.

La mancanza di infrastrutture e di mediatori facilita l’adozione di condizioni di finanziamento più favorevoli rispetto ai prestiti tradizionali: il tasso di interesse è più basso e anche il costo è inferiore.

Per utilizzare queste piattaforme come investitori o richiedenti, devi avere le qualifiche richieste, soprattutto quando sei il richiedente, perché dovrai dimostrare un alto grado di stabilità finanziaria o la capacità di rimborsare l’importo ricevuto.

Queste opzioni di finanziamento prevedono che a ciascun richiedente venga assegnato un rating, o punteggio, che ne indichi la solvibilità. Questo indicatore viene utilizzato per determinare il tasso di interesse e altre condizioni che verranno applicate al prestito.

Come viene erogato il capitale richiesto?

L’erogazione dei fondi è subordinata all’accuratezza della documentazione del richiedente e all’esito favorevole del controllo della sua situazione finanziaria.

La somma richiesta non viene mai fornita da un solo individuo, ma è distribuita tra più persone al fine di ridurre la probabilità di perdita di denaro.

Il richiedente, invece di rimborsare l’intero importo in un’unica soluzione, corrisponderà la somma ricevuta attraverso il pagamento di alcune rate, solitamente mensili.

Sarà poi compito della piattaforma restituire i soldi agli investitori.

Quali sono i vantaggi del Social Lending?

Il vantaggio principale del prestito sociale è la riduzione dei tassi di interesse e una maggiore efficienza. Infatti, la comunicazione diretta tra le parti e l’assenza di intermediari favorisce l’adozione di condizioni più favorevoli.

I debitori avranno la possibilità di richiedere un determinato importo e di ripagarlo a rate più vantaggiose, senza incorrere in penali per il rimborso anticipato.

I benefici di questa procedura sono reciproci: chi concede il credito riceve, infatti, un sostanzioso compenso, mentre chi riceve il prestito beneficia di tassi di interesse inferiori per il rimborso del finanziamento.

Questo tipo di prestito personale tra privati consente una grande libertà di azione: tutti possono richiederlo per finanziare qualsiasi tipo di attività e ogni finanziatore può scegliere come investire il proprio denaro.

Domande frequenti sul social lending

Chi mi può prestare i soldi?

Nel 2022, in Italia, sono diversi i soggetti che possono prestare soldi: banche, istituti di credito, finanziarie, aziende, privati, parenti e amici, con o senza interessi. Quindi, in teoria, chiunque può concedere un prestito personale a un privato. È importante, però, seguire le istruzioni prescritte dalla legge!

Chi presta soldi senza garanzie?

Eka Bank si distingue tra gli istituti di credito con una tipologia di prestito speciale che possiamo definire come “prestito sulla fiducia”.

Non richiede garanzie, buste paga o redditi dimostrabili: i partecipanti a Eka Bank possono accedere al denaro senza richiedere nessun tipo di interesse per loro come singoli depositari, ma al solo scopo di poter far fronte a difficoltà finanziarie e fare una richiesta di finanziamento per chi ha spese impreviste.

Come prendere in prestito denaro senza garanzie?

Per richiedere un prestito Eka Bank non sono richiesti particolari requisiti o garanzie finanziarie, non occorre busta paga o attestato di reddito.

Possono inoltrare la domanda tutti coloro che hanno una reale possibilità di rimborsare la somma di denaro richiesta, anche chi è classificato come protestato o cattivo pagatore. Bisogna soltanto:

  • Avere un’età compresa tra i 18 e i 65 anni.
  • Essere residente in Italia;
  • Avere un conto con Eka Bank.

Quali banche non controllano il CRIF?

Nessuna banca è esente dal controllo CRIF! Questo vale anche per le istituzioni finanziarie e le agenzie di credito che forniscono credito.

Quali sono le principali piattaforme di social lending in Italia?

Attualmente nel mercato del credito italiano sono attive quattro piattaforme digitali: Smartika, Prestiamoci, Soisy e Borsadelcredito.

Nel 2017 si è aggiunta la società francese Younited Credit. L’osservatorio sul crowdlending del Politecnico di Milano riferisce che nel 2014/2015 le piattaforme digitali hanno raccolto dagli investitori circa 7,5 milioni di euro.

Il social lending è rischioso?

Eliminiamo ogni incertezza: il social lending è un istituto legale direttamente disciplinato dalla Banca d’Italia. Investire su una piattaforma di social lending non è meno rischioso che acquistare azioni in borsa o investire in fondi.

Logicamente, per evitare di correre rischi, non si dovrebbe investire più della propria capacità finanziaria e, prima di scegliere un progetto, è necessario leggere attentamente la scheda riepilogativa che spiega per quale scopo viene richiesto il denaro.

È possibile che la società in cui hai investito fallisca, ma le piattaforme di prestito sociale in genere hanno una strategia di recupero crediti.

Qual è la tassazione per il p2p lending?

Con la Legge di Bilancio 2018, i guadagni delle piattaforme di social lending sono considerati reddito capitale, quindi viene corrisposta una tassa sostitutiva del 26%.

Alcune piattaforme fungono anche da agente di ritenuta d’acconto e si assumono tutte le responsabilità amministrative per il pagamento delle tasse per l’utente.